Bonus Ricerca: le note esplicative della circolare AE 5E del 16 marzo 2016

Costi rendicontabili

a) Personale altamente qualificato: rientra nelle attività “intra muros”, che rimangono sostanzialmente invariate;

b) Costi per acquisizione di strumentazioni di laboratorio: si chiarisce che non sono compresi i soli strumenti di misura ma anche i beni strumentali utili alla conduzione delle attività, nella misura della quota di ammortamento o relativamente ai canoni di locazione;

c) Costi per consulenze esterne: attività “extra muros”: si chiarisce che rientrano anche le consulenze di “altre aziende”, senza requisiti scientifici, sulla base tuttavia di contratti di R&S con titolarità dei risultati del committente. Si tratta, in ogni caso, di beni immateriali.

d) Costi per competenze esterne e privative industriali: si chiarisce che all’interno delle “competenze esterne” rientrano anche i costi di personale tecnico interno non altamente qualificato. Tale interpretazione è controversa: da una parte l’Agenzia interpreta tale approccio estensivamente anche se l’interpretazione rigorosa addurrebbe tale possibilità ai soli costi per attività attribuibili a privative industriali.

È poi chiarito che i costi relativi a prestazioni da parte di società “infragruppo” sono rendicontabili nell’ambito delle attività “intra muros”.

Infine, i professionisti inseriti tra le attività “intra muros” se non altamente qualificati possono essere rendicontati tra i costi “extra muros”.